Crediti formativi

Crediti formativi

Nell’ambito della valorizzazione dell’offerta extracurricolare di alto profilo per l’attribuzione di crediti formativi si è proceduto a modificarne e ad integrarne i criteri nell’ottica di dare significativo valore al miglioramento individuale nel percorso di apprendimento:

Premesso che:

 “Il credito formativo consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l’Esame di Stato” (art. 12 comma 1 del D.P.R. 323/98), e che “le esperienze, che danno luogo all’acquisizione dei crediti formativi, sono acquisite, al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana” (art. 1 D.M. 49 del 24.02.2000),

il Collegio docenti, al fine di assicurare omogeneità nelle decisioni dei Consigli di classe, stabilisce i seguenti criteri di assegnazione:

  • per esperienze acquisite nell’ambito di iniziative complementari ed integrative organizzate dalla scuola in orario curricolare ed extracurricolare;
  • per la frequenza a corsi e progetti di ampliamento dell’offerta formativa (attestato rilasciato dall’Istituto secondo i criteri stabiliti)
  • per le segnalazioni a “gare”, concorsi nazionali di abilità (es. Certamina, Olimpiadi della Matematica, della Fisica,…)
  • per esperienze maturate al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile e culturale.

 

Pertanto, danno luogo all’acquisizione dei crediti formativi e saranno valutate in base agli obiettivi formativi ed educativi propri dell’indirizzo di studio e dei corsi interessati: attività sportive a livello agonistico, studi musicali presso conservatori, accademie e scuole civiche, studi di lingue con indicazione del livello, attività di volontariato continuative e dettagliate e certificate.

La documentazione relativa all’esperienza che dà luogo ai crediti formativi (fatta pervenire a scuola entro il 15 maggio di ogni anno scolastico) deve comprendere in ogni caso una attestazione proveniente dagli enti, associazioni, istituzioni presso i quali il candidato ha realizzato l’esperienza e contenere una sintetica descrizione dell’esperienza stessa.  La descrizione sintetica deve consentire di valutare la rilevanza qualitativa dell’esperienza anche in relazione alla formazione personale, civile e sociale dei candidati.

Il CdC nello scrutinio finale dell’ultimo anno può motivatamente integrare i punti di credito dei candidati interni, a norma dell’art. 11 c. 4 del DPR n. 323/1998 (“fermo restando il massimo dei 25 punti”) complessivamente attribuibili, in considerazione del particolare impegno e merito scolastico dimostrati nel recupero di situazioni di svantaggio presentatesi negli anni precedenti in relazione a situazioni familiari o personali dell’alunno stesso, che hanno determinato un minor rendimento o sulla base del miglioramento, rispetto ai livelli di partenza, rilevato in itinere. Questa norma è ribadita dal comma 6 dell’Art. 8 dell’OM n. 37. Resta evidente che tutte le deliberazioni, relative a tale integrazione, opportunamente motivate, vanno verbalizzate con riferimento alle situazioni oggettivamente rilevanti ed idoneamente documentate.

Il credito scolastico esprime la valutazione del grado di preparazione complessiva raggiunta da ciascun alunno nell’anno scolastico, sulla base dei seguenti indicatori: media dei voti (il voto sul comportamento incide sulla determinazione del credito scolastico); assiduità della frequenza scolastica; interesse e impegno nella partecipazione attiva al dialogo educativo in tutte le discipline; crediti scolastici derivanti da attività opzionali, complementari ed integrative organizzate dalla scuola; eventuali crediti formativi riconosciuti dal Consiglio di classe.

In base a quanto indicato nel D.M. n° 42 del 22/05/2007, integrato dal D.M. n° 99 del 16/12/2009, il credito scolastico viene attribuito dal Consiglio di classe in sede di scrutinio finale agli alunni delle classi III, IV e V nell’ambito delle bande di oscillazione previste dal Ministero ed indicate nella seguente tabella.

 

 

Media

dei voti

Credito Scolastico

punti assegnabili

Credito Scolastico

punti assegnabili

Credito Scolastico

punti assegnabili

Classe III Classe IV ClasseV
M = 6 3 – 4 3 – 4 4 – 5
6 < M ≤ 7 4 – 5 4 – 5 5 – 6
7 < M ≤ 8 5 – 6 5 – 6 6 – 7
8 < M ≤9 6 – 7 6 – 7 7 – 8
9 < M ≤ 10 7 – 8 7 – 8 8 — 9

 

Il Collegio dei docenti stabilisce i seguenti criteri per l’attribuzione del punteggio minimo o massimo indicato nella tabella:

  1. a) se la parte decimale della media dei voti e’ uguale o superiore a 5 il Consiglio di Classe potrà attribuire il punteggio massimo di ciascuna  banda di oscillazione allo studente che riporterà elementi positivi in due delle voci seguenti:
  1. assiduità della frequenza scolastica e impegno e interesse nella partecipazione attiva al dialogo educativo;
  2. miglioramento, rispetto ai livelli di partenza, rilevato in itinere;
  3. partecipazione attiva e responsabile agli Organi Collegiali scolastici;
  4. partecipazione attiva e responsabile alle attività integrative ed ai progetti proposti dalla scuola ed espressi nel POF;
  5. credito formativo maturato: a) per esperienze acquisite nell’ambito di iniziative complementari ed integrative organizzate dalla scuola in orario curricolare ed extracurricolare; b) in seguito alla partecipazione ad attività di volontariato, culturali e sportive, attestate attraverso certificato che ne dichiari la continuità durante l’anno; soggiorni all’estero con certificazioni di competenza linguistica di  livello corrispondente all’anno scolastico frequentato.
  1. b) se la parte decimale della media dei voti e’ inferiore a 5 il Consiglio di Classe potrà attribuire il punteggio massimo di ciascuna  banda di oscillazione allo studente che riporterà elementi positivi in tre delle voci di cui sopra.
  2. c) Per gli alunni per i quali, nello scrutinio di giugno, si decidesse per la sospensione del giudizio, il Consiglio di Classe, nel successivo scrutinio finale, fermo restando quanto espresso nel punto b), potrà attribuire il punteggio massimo della banda di oscillazione solo se l’alunno avrà riportato una valutazione pienamente sufficiente in tutte le prove di recupero.
  3. d) Per gli alunni ammessi alla classe successiva o all’Esame di Stato, il consiglio di classe si riserva di attribuire il punteggio minimo della banda di oscillazione.

 

Il Collegio dei docenti, per le classi terze liceo,considerata l’oggettiva difficoltà degli studenti nel delicato passaggio dal biennio al triennio di organizzare in modo sempre più autonomo, consapevole ed efficace il carico di lavoro, dovuto  all’aumento del numero di discipline e unito ad una richiesta che fa riferimento a competenze che siano il più possibile trasversali -, stabilisce i seguenti criteri per l’attribuzione del punteggio minimo o massimo indicato nella tabella:

  1. a) se la parte decimale della media dei voti e’ uguale o superiore a 5 il Consiglio di Classe potrà attribuire il punteggio massimo di ciascuna banda di oscillazione allo studente che riporterà elementi positivi in due delle voci seguenti:
  1. assiduità della frequenza scolastica e impegno e interesse nella partecipazione attiva al dialogo educativo;
  2. miglioramento del profitto, rispetto ai livelli di partenza, rilevato in itinere;
  3. comportamento che, nel corso dell’anno, si dimostra più maturo e responsabile nel partecipare con serietà e motivazione alle attività didattiche proposte;
  4. partecipazione attiva e responsabile agli Organi Collegiali scolastici;
  5. partecipazione seria e costruttiva alle attività promosse dall’Istituto nell’ambito dell’alternanza scuola – lavoro;
  6. partecipazione attiva e responsabile alle attività integrative ed ai progetti proposti dalla scuola ed espressi nel POF;
  7. credito formativo maturato: a) per esperienze acquisite nell’ambito di iniziative complementari ed integrative organizzate dalla scuola in orario curricolare ed extracurricolare; b) in seguito alla partecipazione ad attività di volontariato, culturali e sportive, attestate attraverso certificato che ne dichiari la continuità durante l’anno, soggiorni all’estero con certificazioni di competenza linguistica di livello corrispondente alla classe frequentata.
  1. b) se la parte decimale della media dei voti e’ inferiore a 5 il Consiglio di Classe potrà attribuire il punteggio massimo di ciascuna  banda di oscillazione allo studente che riporterà elementi positivi in tre delle voci di cui sopra.

Commenti chiusi