Carta dei servizi

Principi fondamentali

1. Uguaglianza

1.1 Il Liceo Ginnasio “A. Manzoni” bandisce ogni discriminazione per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio-economiche.

1.2 Si impegna a favorire l’integrazione degli studenti portatori di handicap.

1.3 Prevede sussidi per gli studenti in disagiate condizioni economiche.

1.4 Valorizza e tutela la libera espressione delle varie identità presenti nella scuola nelle forme previste dai regolamenti d’Istituto.

2. Regolarità

2.1 La continuità del servizio e delle attività educative è garantita conformemente al calendario e all’orario vigenti.

2.2 In presenza di conflitti sindacali l’Istituto, nel rispetto delle norme e delle disposizioni contrattuali, garantisce una tempestiva informazione alle famiglie attraverso l’uso dei canali appropriati (albo d’Istituto, circolari, comunicazioni ai rappresentanti di classe).

2.3 Nel caso di agitazioni studentesche l’Istituto assicura la presenza e vigilanza di tutti gli operatori della scuola in rapporto agli orari di lavoro e alle mansioni di ciascuno.

3. Accoglienza e integrazione

3.1 L’Istituto si impegna, con opportuni e adeguati atteggiamenti ed azioni di tutti gli operatori, a favorire l’accoglienza, l’inserimento e l’integrazione degli studenti, con particolare riguardo alla fase d’ingresso nelle classi iniziali e alle situazioni di rilevante necessità, e ad offrire regolari occasioni d’incontro alle famiglie.

3.2 Nello svolgimento delle proprie attività ogni operatore ha pieno rispetto della personalità, dei diritti e degli interessi educativi degli studenti.

3.3 Specifiche attività sono previste per rilevare i livelli di partenza, i bisogni d’istruzione e i problemi di relazione degli allievi delle prime classi e per favorire l’acquisizione di un efficace metodo di studio.

3.4 Sia attraverso la normale attività didattica, sia mediante specifiche iniziative di recupero e di sostegno sono assicurati interventi mirati al superamento delle situazioni di difficoltà nell’apprendimento.

3.5 La scuola si impegna a garantire alle famiglie una regolare informazione sull’andamento didattico degli allievi, con particolare riguardo alle situazioni di difficoltà.

3.6 L’Istituto si impegna a richiedere la presenza periodica di uno psicologo in collegamento con la ASL.

3.7 L’Istituto si impegna a programmare proprie iniziative riguardanti le tematiche del disagio giovanile, della salute e della prevenzione.

4. Diritto di scelta e frequenza

4.1 L’utente ha diritto di scelta fra le istituzioni che regolano il servizio scolastico, nei limiti di capienza obiettiva di ciascuno di essi. In caso di eccedenza di domande deve essere considerato il criterio di territorialità (residenza, domicilio, sede di lavoro dei familiari).

4.2 L’utente ha diritto alla chiarezza nei criteri di formazione delle classi; particolare attenzione verrà prestata alle indicazioni fornite dalle famiglie in merito all’adesione ai singoli progetti, decisi e attuati nei diversi corsi nel quadro dell’autonomia delle istituzioni scolastiche.

4.3 La frequenza scolastica è obbligatoria e viene regolarmente controllata secondo le modalità previste dal regolamento d’istituto.

5. Partecipazione, efficienza e trasparenza

5.1 Istituzioni, personale, genitori e alunni sono protagonisti e responsabili dell’attuazione della “Carta”, attraverso una gestione partecipata della scuola, nell’ambito degli organi e delle procedure vigenti.

5.2 Al fine di promuovere la partecipazione, il Liceo Manzoni pubblicizza le informazioni generali riguardanti la scuola.

5.3 Sempre allo stesso fine sono pubblicizzati in apposite bacheche gli atti del Consiglio d’Istituto.

5.4 L’Istituto assicura, compatibilmente con l’orario di lavoro dei dipendenti e la disponibilità delle risorse, l’utilizzo delle proprie strutture agli organismi di rappresentanza delle componenti della vita scolastica. E’ garantito inoltre il diritto di affissione alle apposite bacheche nelle forme previste dai regolamenti dell’Istituto.

5.5 L’Istituto garantisce la massima semplificazione delle procedure ed un’informazione completa e trasparente.

5.6 E’ garantita la trasparenza nei criteri di valutazione e nell’attribuzione dei crediti formativi e scolastici.

5.7 L’attività scolastica ed in particolare l’orario di servizio di tutte le componenti si uniformano a criteri di efficienza, di efficacia e flessibilità nell’organizzazione dei servizi amministrativi, dell’attività didattica e dell’offerta formativa integrata.

5.8 La scuola organizza e/o favorisce le modalità d’aggiornamento del personale in collaborazione con enti e istituzioni culturali.

5.9 Il Liceo Manzoni, in collaborazione con gli enti locali, si impegna a favorire le attività extra scolastiche che rendano la scuola un centro di promozione culturale, sociale e civile, consentendo l’uso dell’edificio e delle attrezzature fuori dell’orario scolastico e nel rispetto delle norme di legge, compatibilmente con la disponibilità del personale.

5.10 L’Istituto assume come proprio obiettivo la collaborazione più ampia con le altre agenzie educative, con le istituzioni culturali, con l’associazionismo e con il mondo del lavoro, al fine di conseguire la massima integrazione dell’offerta formativa.

6. Libertà di insegnamento ed aggiornamento del personale

6.1 La programmazione didattica collegiale traccia le linee fondamentali dell’offerta formativa, che deve rispettare e valorizzare la libertà di insegnamento dei docenti e la personalità degli allievi.

6.2 L’Istituto si impegna a favorire l’aggiornamento di tutto il personale scolastico.

7. Area didattica

7.1 La scuola, con il fattivo apporto di tutte le sue componenti e nel rispetto delle funzioni di ciascuna, è il soggetto dell’attività educativa e didattica.

7.2 Il Consiglio d’Istituto, cui partecipano con propri rappresentanti docenti, personale non docente, genitori e studenti, definisce i criteri e gli indirizzi generali del piano dell’offerta formativa, che fonda l’identità culturale e progettuale della scuola.

7.3 Coerentemente con la sua identità e tradizione storica, il Liceo Manzoni finalizza l’azione educativa e didattica alla formazione di personalità armonicamente costituite, consapevoli di sé, rispettose dell’altro e dotate di coscienza critica.

7.4 Il Collegio dei docenti elabora il piano dell’offerta formativa, sulla base degli indirizzi generali definiti dal Consiglio d’Istituto e lo propone allo stesso Consiglio perché lo adotti.

7.5 Il Collegio, eventualmente dopo aver sentito il parere del Consiglio d’Istituto, e comunque in coerenza con i criteri generali da esso definiti, adotta la scansione dell’anno scolastico in trimestri o quadrimestri, fissa i criteri per la formulazione del calendario e dell’orario delle lezioni, sceglie i libri di testo secondo criteri di validità culturale e didattica, promuove l’aggiornamento dei docenti

7.6 I Consigli di classe, nella fase iniziale dell’anno, formulano un piano di lavoro, che definisce obiettivi generali e specifici, metodi e procedure di insegnamento e di valutazione, requisiti per il superamento dell’anno in corso. La programmazione didattica è contenuta nei piani di lavoro del Consiglio di classe e del singolo docente, che vengono elaborati ad inizio anno. Essi sono proposti, illustrati e discussi a genitori ed allievi in apposite sedute dei Consigli stessi, aperti a tutti gli interessati. Il loro testo è fornito in copia a chiunque ne faccia richiesta. Questi documenti, sottoposti all’approvazione delle diverse componenti, costituiscono il “contratto formativo”, in cui si descrivono gli obiettivi, i metodi, i comportamenti e le strategie di recupero che gli insegnanti si impegnano ad adottare e le richieste che gli studenti devono soddisfare.

7.7 Periodicamente i Consigli di classe segnalano per ogni studente il grado di conseguimento degli obiettivi.

7.8 Ogni anno vengono organizzati, secondo le modalità stabilite dal regolamento, viaggi d’istruzione ed uscite didattiche, che sono parte integrante dell’attività educativa.

8. Condizioni ambientali della scuola

L’ambiente scolastico deve essere pulito, accogliente, sicuro. Le condizioni igieniche e di sicurezza dei locali e dei servizi devono garantire una permanenza a scuola confortevole per gli alunni e il personale.

9. Procedure dei reclami

9.1 Ogni utente della scuola può presentare reclami, che possono essere orali, scritti, telefonici, via fax o via e-mail. Se il proponente vuole ottenere risposta scritta deve confermare per iscritto il reclamo, indicando le proprie generalità, indirizzo e reperibilità.

9.2 I reclami possono essere rivolti al Capo d’Istituto o, per suo tramite, al direttore dei servizi generali e amministrativi, ai responsabili dei laboratori, ai singoli docenti o operatori.

9.3 Il Dirigente Scolastico, dopo aver assunto le necessarie informazioni, risponde con celerità, comunque non oltre i quindici giorni. Qualora la questione non sia di competenza del Capo d’Istituto, al reclamante sono fornite indicazioni relative al corretto destinatario.

10. Valutazione del servizio

Il Consiglio d’Istituto e il Collegio dei Docenti, per la parte di loro competenza, si impegnano a promuovere iniziative volte alla verifica e alla valutazione del servizio.

11. Norme attuative

Le indicazioni contenute nella presente Carta si applicano fino a quando non intervengano in materia disposizioni modificative contenute in norme di legge o nei contratti collettivi.

Commenti chiusi